• 28-03-2019 Tutto è bene quel che finisce bene.

    24-03-2019 MTB – COLLINE DI ASOLO

    Il giro in sè era stato programmato ad inizio stagione proprio perchè dal punto dell’impegno fisico non presenta difficoltà insormontabili, ma si sa che i colli asolani dal punto di vista tecnico non sono poi così tanto da sottovalutare per via di alcuni single-track tortuosi e per qualche punto un po’ esposto. L’allegra combriccola di circa una ventina di bikers, condotti dal capogita Emanuele, parte dallo sponsor Brenta Gomme affronta così le, a molti conosciute, asperità dei colli per poi trasferirsi verso il Mostaccin e colle Argenta. In uno dei passaggi un po’ più esposti, Maddalena perde per un attimo l’equilibrio sulla sua bici e scivola giù dal ciglio del sentiero. Subito non ci si rende conto della gravità per via della vegetazione che copriva in parte la visuale, in realtà la pendenza della scarpata era molto elevata e la malcapitata Maddalena si era fermata per un soffio impigliata tra i rovi. Una situazione fortunata perchè il salto sarebbe stato molto peggiore e le conseguenze davvero più gravi se non fossero stati proprio i rovi a fermarla e ad attutire la scivolata anche se la posizione non era delle più agevoli per il recupero della biker. Il fatto di precipitarsi a dare una mano avrebbe messo in difficoltà anche gli altri soccorritori per cui il Pozzetto si è organizzato in una vera e propria catena umana che, come le formiche dell’Amazzonia, è sono riusciti  tenendosi fermi l’un per l’altro a raggiungere Maddalena e a provvedere al suo recupero. Tanto spavento e qualche graffione ma una vera e propria consolazione che tutto è andato bene quel che finisce bene. A Maddalena il premio di “Russa dell’anno 2019” non glielo leva nessuno.

     

     

    24-03-2019 BDC – BREGANZE  – SALCEDO

    Sempre più folto il gruppo degli stradisti che oltre che a crescere in numero stanno moltiplicando il numero degli scatti inviati via social per merito del mai stanco Michel Perin. L’itinerario di questa domenica, con partenza anche per loro dallo sponsor Brenta Gomme prevedeva la traversata delle dolci pendici dell’altopiano di Asiago che vengono confinate tra Breganze e la nota salita della Rosina di Marostica.

     

    23-03-2019 Marina al Volterra Trail

    “Quest’anno di Trail ne faccio molti meno” aveva sentenziato Marina alla Pizza di inzio stagione. Come per confermare le sue parole scritte sulla sabbia del deserto, ecco che proprio questo weekend ci invia insieme a Giuseppe le sue foto di una “scampagnata” nei dintorni di Volterra di 180 km x 4.600 mt dislivello, ma siccome la “ragazza” aveva fretta di tornare a casa, questa volta, in accordo con alcuni compagni di viaggio ha deciso di farla tutta in non-stop arrivando alle 4 di notte. Cussì Giuseppe no gha dovuo spettarla tanto in camper.

     

     

    23-03-2019 Marco Lolato e la carica dei 300

    Con nel serbo un grandissimo obiettivo di stagione che è ancora presto e scaramantico da annunciare, Marco Lolato si spedala via questa rando da 300 km che da Verona fiancheggia la sponda veneta del lago di Garda, scende da Rovereto lungo la val d’Adige fino a toccare Mantova per poi risalire di nuovo a Verona. Un giro con partenza alle 23:00 per una 11:00 ore di bici, pause comprese, che il nostro Marco ha corso a una media a dir poco folle. Un altro mattone per arrivare alla grande conquista.

     

     

    23-03-2019 Manuele Castellan e il suo bis

    Vedo foto di sabato e Manuele è a Rotzo con Stefano in bici da corsa, vedo foto di Manuele domenica e si sta facendo i selfie da Cima Grappa. Par fortuna che el weekend dura soeo do’ giorni altrimenti luni o ghavaria visto in ssima ae Pianesse o sul Nevegal. Alla faccia del bravo pàre de fameja !

     

     

    22-03-2019 Luigi a Campomulo

    Non sono riuscito a capire se di sabato o prima, visto che Luigi è sempre in giro, ma da lui ci sono arrivate testimonianze della sua escursione su fino a Campomulo. Impressionanti i segni della devastazione del mega-tornado che si è abbattuto in ottobre del 2018.

     

    17-03-2019 Transeuganea e “i do’ matti”

    Prima top dell’anno e primo trasloco in macchina. Teolo e il vecchio percorso della Transeuganea insieme con Marina sono stati il teatro dell’escursione. E nonostante la distanza, un bel numero di bikers, ben 17 si sono schierati al via per prendere parte a questa corta (si fa per dire ben 43 km) ma nervosa escursione (ben 1.500 mt di dislivello). Ma anche qui ci sono “i due matti” ovvero Stefano e Davide che partiti in coppia da Cittadella si sono fatti sia il percorso di avvicinamento che quello di rientro a casa tutto in mountain bike. Sono senza parole !!!

     

     

    17-03-2019 BDC – Numeri sulla Pedemontana

    Sembrava il classico giretto in sordina di inizio stagione e “xonta xonta xonta” alla partenza dal Caffè Meal ci siamo trovati quasi in quindici stradisti. Il gruppo compatto fino alle prime pendenze di San Zenone degli Ezzelini, ha visto l’esplosione delle scaramucce e battaglie lungo la dolce salita verso Crespano denominata “nostalgica”. Raggiunto il culmine del giro in prossimità di Fietta è stato un susseguirsi di momenti di relax e di pesanti affondi dei “passisti” ad oltre 40 km/h. Una vera corsa a rotta di collo fino al traguardo del Meal per una rigenerante birra.
    Che tirada de coeo ragassi !!!

     

     

     

     

     

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *