2014-04-23 The Day After – Pasquetta

SINTESI DEL DOPO PASQUETTA

Sicuramente mi sarò dimenticato di un sacco di giri e testimonianze e peraltro, presentare una news senza uno straccio di commenti non è proprio presentabile ma, per non perdere un’altra settimana tra 25 aprile, ponti e quant’altro, intanto vi presento in maniera catalogata tutti gli album di foto che ho raccolto delle uscite e IMPRESE con la IMPRESE maiuscola di Marina e Tiberio al Veneto Gravel e della Rando da 400 km di Verona corsa in meno di 16 ore dal nostro Marco Lolato. Veramente GRANDIOSI.

 

2019-04-13 Lolato 400 RandoVerona

400 km tutti di fila praticamente quasi tutti di notte e in sole 16 ore. Bravo Marco.

 

2019-04-13 Veneto Gravel

Gli irriducibili Marina e Tiberio.

Il racconto di Marina è bellissimo.

Veneto Gravel. Si parte da Piazzola sul Brenta alle 8.00 di sabato 13 aprile per un giro di quasi 700 km che tocca tutte le province del Veneto. Partono tutti a ‘razzo’, cerco di star dietro a qualcuno ma rinuncio e dopo solo 4-5 km la mia gomma davanti è del tutto sgonfia: ho bucato!😩Sono costretta a fermarmi e provo a gonfiare la ruota, intanto decine e decine di gravellisti continuano a passare velocissimi. Sembra che il liquido all’interno del copertone faccia il suo ‘dovere’ perché riesco a ripartire senza mettere la camera d’aria 😛. Mi fermerò più avanti a rigonfiarla ancora. Ciclabile Brenta, stradine, Bassano del Grappa e via verso Cismon del Grappa per affrontare la prima salitina, quella di Incino, che ci porta al lago del Corlo. Poi Caupo, Feltre, Mel (dove una tosta salita, mi fa decidere di fermarmi per un panino). Ogni tanto incontro Antonio con Andrea impegnati ad immortalare i passaggi dei partecipanti. Qualche saluto per strada ma sono quasi sempre da sola. Arrivo a Belluno, mi sembra tardi, ho fatto poca strada, comincia anche a piovere 😞Mi demoralizzo perché vorrei aver corso di più. Ponte nelle Alpi, lago di Santa Croce, sempre da sola. Non so ancora dove fermarmi per la notte, intanto continuo. Sono quasi le 19 e sono solo a Conegliano (solo 186 km!). Decido comunque di fermarmi qui per la notte e trovo in b&b, mi propongo di partire presto il giorno successivo. Tosse e raffreddore nn mi fanno dormire bene: sveglia alle 4.30 e alle 5.15 parto. Oderzo, vento contro fortissimo, San Stino di Livenza dove inizia a piovere. Mi fermo per mettere i pantaloni per la pioggia e mi sorpassa Giuseppe velocissimo. Arrivo verso le 9 a Caorle: timbro, caffè e riparto verso Jesolo e poi ciclabile del Sile (dove incontro Elisa) fino a Treviso, con il vento sempre contro. Un bel acquazzone mi ‘costringe’ a fermarmi, così ne approfitto per mangiare qualcosa. Oggi fa molto freddo! Faccio uno squillo a Giuseppe e mi dice che è sull’Ostiglia (una decina di km più avanti). Riparto e arrivo da Scavezzon: timbro, mangio un paio di mele (le banane le hanno già finite tutte 🤪), olio alla catena e via verso Padova. Attraversare Padova di domenica è un incubo e arrivo ad Abano: sono le 18.30. Sono stanca e infreddolita. Scrivo un messaggio a Giuseppe chiedendogli dove si ferma a dormire. Lui vorrebbe arrivare a Rovigo ma io non penso proprio di farcela, ci sono a colli Euganei ancora da affrontare. Prima salita dei colli e inizia di nuovo a piovere. Squilla il telefono: è Giuseppe che mi dice che ha trovato un b&b ad Arquà Petrarca, se voglio c’è posto. Naturalmente nn ci pensò due volte a dire di sì. La salita ad Arquà è tostissima e piove. Finalmente arrivo. Doccia, pizza e a nanna. Oggi ho fatto 260 km tutti in solitaria, ne mancano 250 circa all’arrivo. Si riparte alle 7, Rovigo, ciclabile sull’Adige fino a Legnago, Cerea (dove timbriamo). Giuseppe, gentilissimo, mi aspetta e proseguiamo insieme tra le campagne del veronese. Arriviamo a Verona (sosta per un panino), affollatissima anche se è lunedì. Tra i campi di Bovolone mi raggiunge Tiberio, con altri due amici con cui ha pedalato per tutto il VG. Cerco di stare in gruppo con loro anche se con fatica, ora ci aspettano le salite del Monti Berici, non impossibili ma abbiamo 650 km sulle gambe. Naturalmente in salita sono una frana e li perdo quasi tutti 😉. Alla fine dell’ultima discesa ritrovo Giuseppe e sulla ciclabile mi attendono anche Tiberio & C. Trenino per gli ultimi 40 km tutti in piana. Riesco a tenere la velocità e poco prima delle 20 arriviamo a Casa Bella, sede dell’arrivo del VG e dove troviamo ad attenderci Romeo e Mauro. Sono soddisfatta 😀 3 giorni e 700 km. Grazie a Giuseppe per la compagnia dell’ultimo giorno e a Tiberio per la compagnia degli ultimi km. Complimenti a Velia e Roberto per l’organizzazione! Alla prossima edizione! 😉

 

 

2019-04-14 BDC Camisino–Caltrano

Il giro degli stradisti della scorsa settimana

 

2019-04-14 GF del Garda

Biker agonsiti in azione – paura del fango = ZERO

 

2019-04-14 MTB Sent.95-Campo Croce

Ma alla fine xei ndai a Campo Croce ?

 

2019-04-14 Rando Istria 200 km

Una 200 da Trieste e tutta in Istria.

 

2019-04-20 Quartetto in Monte Corno

4 bikers e 1 Corno

 

2019-04-22 MTB-Pietraia

Pasquetta in Pietraia … e non solo

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *